Sviluppo: Giovanni Lesa [scrivi una e-mail] - Pagina aggiornata il 02 aprile 2010

Chiesa di San Giacomo

La chiesa parrocchiale di San Giacomo sorge ai piedi dell'imponente campanile, in piazza G. Matteotti. L'attuale chiesa fu eretta in sostituzione dell'antica chiesa di Pasian di Prato, anch'essa dedicata a San Giacomo Apostolo. L'edificazione della nuova chiesa risale a tempi recenti: il progetto fu approvato infatti nel 1961. Nel luglio dello stesso anno l'arcivescovo di Udine, mons. Zaffonato, benedisse la prima pietra del nuovo edificio. L'intera opera fu conclusa in sette anni.

La chiesa si presenta subito molto ampia, altissima, e il visitatore è immediatamente colpito dal monumentale organo a canne posto nell'abside. Ai lati dell'altare maggiore trovano posto due altari minori prelevati dall'antica chiesa: l'altare di sinistra è dedicato a Maria Addolorata (della quale è presente una statua lignea), mentre quello di destra onora San Valentino, secondo patrono della nostra parrocchia e raffigurato in una pala. Sulla parete destra trovano posto 14 incisioni raffiguranti le stazioni canoniche della via Crucis, la salita del Cristo verso la morte. Le incisioni, di notevole pregio artistico, risalgono al XVIII secolo e sono state restaurate nel 2005.

A fianco alle incisioni, vicino all'altare di San Valentino, è presente un'altra pala lignea del XIX secolo, raffigurante la crocifissione di Cristo.

Nella navata laterale di sinistra, in fondo, trova spazio l'altare del Santissimo, ornato da un'altra meravigliosa pala lignea raffigurante il Santo Patrono Giacomo Apostolo.

torna su



Il campanile

Sentinella di Pasian di Prato che ne annuncia la presenza anche a diversi chilometri di distanza, il campanile può considerarsi uno dei simboli della nostra cittadina. Fu inaugurato il 17 luglio 1910, a coronamento di un intero decennio di lavori. In cima alla torre si può scorgere una statua raffigurante il Cristo Risorto ("Redentore"), alta circa sei metri. Testimone di un secolo di storia pasianese, il campanile fu preso di mira dai soldati asburgici che il 23-24 aprile 1918 lo razziarono delle sue campane per fonderne il metallo. Dopo al sisma del 1976, il campanile fu avvolto per diversi mesi da una fitta impalcatura che ne permise un completo restauro.

torna su



Parrocchiale di Santa Caterina

Il forte desiderio della popolazione di Santa Caterina di avere una propria chiesa si concretizzò alla fine degli anni 50, quando si diede avvio ai lavori su un terreno lasciato in eredità da Vittorio Polo.

Al suo interno la chiesa presenta notevoli rivestimenti lignei sulle pareti e nel presbiterio. Dietro all'altare maggiore trova posto un organo di notevoli dimensioni. L'ambone, riccamente decorato, è stato donato alla parrocchia dalla nostra Pro Loco nei primi anni 2000.

torna su



Chiesetta di Santa Caterina

Sulla strada che conduce a Villa Primavera, pochi notano una chiesetta apparentemente abbandonata che si affaccia proprio sulla strada. Si tratta in realtà dell'edificio più antico presente sul territorio, risalente addirittura al XIII secolo. La chiesetta dedicata a Santa Caterina sorge sul territorio di Santa Caterina, dove anticamente si svolgeva l'omonima fiera autunnale. La chiesetta tuttavia afferisce alla parrocchia di Basaldella.

La costruzione, ampliata nel XIV secolo, presenta al suo interno affreschi di un secolo antecedenti, che si affiancano ad un altro ciclo di affreschi risalenti al periodo dell'ampliamento, raffiguranti Santa Caterina e Santa Lucia.

torna su



Il monumento ai caduti

In via Roma sorge il monumento ai caduti pasianesi delle due guerre mondiali. Un tempo isolato e periferico, oggi nel cuore del paese, il monumento si presenta maestoso e circondato da cipressi, come un reliquario funebre davanti al quale chinare il capo con riverenza. Al suo interno il monumento presenta un altare rivolto verso una parete affrescata con un'immagine del Cristo risorto, quasi a dire che le sofferenze patite dagli uomini cui il monumento è dedicato troveranno un giorno la loro gloriosa fine.

Il monumento risulta chiuso al pubblico per la maggior parte dell'anno, salvo qualche rara eccezione in caso di ricorrenze particolari o festività.

torna su



Prati stabili, Bertrando, roveri

La bellezza principale che Pasian di Prato offre ai suoi visitatori risiede sicuramente fuori dalla frenesia della cittadina. Da sempre le campagne fanno da cornice al paese, contornandolo di fragranze, colori e vita uniche nel loro genere. Visita la sezione sui prati stabili per conoscere le meraviglie della campagna di Pasian di Prato, meta ideale per qualche scampagnata pomeridiana.

La campagna, tra le sue bellezze naturali, annovera anche il rovere che la tradizione vuole essere quello che campeggia nello stemma comunale: si tratta di un'antica quercia plurisecolare, che si erge solitaria e maestosa in un prato stabile a ovest della località rurale di Bonavilla.

Non lontano dal maestoso rovere si può notare la celebre croce di Bertrando: un cippo con una croce metallica segna il punto in cui secondo la tradizione il patriarca di Aquileia Bertrando di Saint Geniès morì il 6 giugno del 1350 in seguito ad uno dei frequenti attacchi di quel periodo. L'attentato avvenne sulla piana di Richinvelda, durante il ritorno a Udine dell'anziano Patriarca (aveva quasi novant'anni). Papa Clemente XIII nel 1760 proclamò Beato il Patiarca, la cui memoria si celebra il 06 giugno, giorno della sua morte.

torna su






chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

La chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

interno della chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

Interno della chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

statua lignea della Madonna Addolorata - chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

La statua lignea della Madonna Addolorata

l'altare di San Valentino - chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

Altare di San Valentino, secondo patrono di Pasian di Prato dopo San Giacomo

una delle incisioni della via crucis ottocentesca - chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

Una delle incisioni della via crucis ottocentesca

la pala della crocifissione - chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

Pala lignea ottocentesca raffigurante la crocifissione di Cristo

l'altare del Santissimo, con San Giacomo - chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

Altare del Santissimo, con la pala di San Giacomo

l'organo della chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

Il monumentale organo della chiesa di San Giacomo a Pasian di Prato

la chiesa di Santa Caterina

Facciata della chiesa di Santa Caterina, che si affaccia sulla Pontebbana

interno della chiesa di Santa Caterina

L'interno della chiesa di Santa Caterina, con organo, altare e ambone

la chiesetta dedicata a Santa Caterina

La trecentesca chiesetta di Santa Caterina, in via Lignano

la croce del Beato Bertrando

La croce del Beato Bertrando, a Bonavilla

il rovere simbolo del comune di Pasian di Prato

Il maestoso rovere simbolo del comune di Pasian di Prato (visto da lontano)